IV Edizione - 50 ore contest cinematografico

50 ore per scrivere, girare e montare il tuo cortometraggio: questo è il 50 ore Contest Cinematografico!
Unici vincoli da rispettare: il tempo e tre parametri forniti dall'organizzazione.

La gara è aperta a tutti: videomaker professionisti o semplici appassionati. Ciò che cerchiamo sono persone curiose, creative e che abbiano voglia di mettersi in gioco attraverso il cinema. Non sono richieste attrezzature particolari: i cortometraggi possono essere girati anche con un semplici smartphone. L'importante è avere un'idea e volerla condividere con una community che, anno dopo anno, sta crescendo sempre di più.

Le iscrizioni sono aperte fino al 12 luglio: la mattina del 13, le troupe riceveranno una mail con indicati i parametri a cui attenersi per realizzare il proprio cortometraggio. Genere cinematografico (estratto a sorte per ciascuna troupe), una frase e un elemento (uguali per tutti) da inserire obbligatoriamente all'interno del corto.

I lavori dovranno essere riconsegnati entro 50 ore dall'inizio del contest: i migliori cortometraggi accederanno alla fase finale. Il 27 luglio, a Termoli, saranno proiettati davanti a una Giuria composta da esperti del settore, che insieme al pubblico presente, decreterà il vincitore della IV Edizione. La sola Giuria Tecnica voterà inoltre la menzione speciale “Premio Molise Cinema”.

Leggi il regolamento e scarica il modulo di iscrizione!

Regolamento

Modulo di Iscrizione

Liberatoria

Liberatoria Minorenni

Il cinema ci parla. Lo fa sin dalla sua nascita, attraverso un linguaggio che gli è unico, e che stimola la nostra immaginazione da più di un secolo.

Per questo motivo, il tema che abbiamo scelto per la IV Edizione del 50 Ore Contest Cinematografico è proprio quello del linguaggio cinematografico e di come si sia evoluto nel tempo.

Il cinema ci parla attraverso le immagini, certo. Tuttavia, creare un’immagine significa caricarla di senso e significato.

La scelta di un’inquadratura, il modo di comporre una scena, i colori, la sequenza del racconto, il montaggio non sono semplici strumenti tecnici: il loro scopo è quello di mostrare la personale visione del mondo che il regista vuole offrirci. L’autore crea così il suo particolare linguaggio, che serve a far comprendere la sua idea. In questo senso, il cinema è essenzialmente un punto di vista.

Oggi però le cose stanno cambiando. Sono cambiati, ad esempio, i metodi di fruizione del cinema: la diffusione di strumenti tecnologici fa sì che l’esperienza collettiva della visione cinematografica diventi sempre più un’esperienza privata; la produzione vertiginosa di prodotti cinematografici si traduce sì in un ventaglio più ampio di scelta, ma anche in una sempre più elevata velocità di consumo dei prodotti stessi. I linguaggi si mischiano: ciò che prima apparteneva solo al cinema oggi si ritrova nelle serie TV o nelle pubblicità; e viceversa.

Il cinema cambia, e cambiamo noi spettatori.

La capacità del cinema di raccontarci il mondo attraverso un’angolazione precisa, personale, unica; la sua volontà di sfidarci come spettatori, di offrirci punti di vista anche scomodi sta forse lasciando il passo a un modo di fare cinema più accomodante, più “rassicurante”, in cui noi spettatori possiamo immergerci senza troppi scossoni.

Resta un fatto: il cinema, attraverso i suoi strumenti tecnici, ci racconta il mondo e il tempo in cui viviamo. Con le sue contraddizioni, con le sue storture, con le sue bellezze. Oggi come 100 anni fa, ci offre la possibilità di capire e interpretare la realtà che ci circonda in quel modo unico e potente che solo le immagini riescono a evocare.